Crea sito


1194 (1192). L'ONORE

Nun te pòi fà un’idea si cquanto, Rosa,
io rido a l’incontrà cquarche ccazzaccio,
che pportanno un ziggnore sott’ar braccio
je pare èsse lui puro quarche ccosa.

E nnun za cch’er ziggnore s’ariposa
sopr’a la vita sua com’uno straccio;
e ssi jje ficca llí cquer catenaccio,
è ppe la su’ portronaria fecciosa.

L’onori, chi li vò bben’acquistati,
se l’ha da fà da lui; e nnun bisoggna
gonfiasse de st’onori appiccicati.

Ché l’onore nun è ccome la roggna
che ss’attacca ar toccà. Lli strufinati
nun ve dànno né onore né vvergoggna
 

11 aprile 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi 
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo