Crea sito


514 (514). L'OMO BBONO BBONO BBONO!

Ah! er bene che mme porta Monziggnore
È ccosa da nun crédese, Bbastiano.
T'abbasti a ddì cche, ppovero siggnore,
M'ha vvolzuto ammojjà co le su' mano!

E bbisoggna vedé ssi ccon che amore
Cùnnola el pupo mio che jj'è ffijjano!
Via, propio è un gran padrone de bbon core,
Un gran bravo prelato, un bon cristiano!

E la notte che Nnanna ebbe le dojje,
Nun pareva che a llui fussino presi
Cueli dolori in cammio de mi' mojje?

Tutta la pena sua, la su' pavura,
Era, perché la fesce de sei mesi,
Che jje morissi in corpo la cratura.

Roma, 30 novembre 1832      Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo