Crea sito


909 (908). L'ISTORIA ROMANA

Che bbell'abbilità, cche bbella groria
De sapé rrescità sta filastroccola!
Cuanto faressi mejjo èsse una zoccola,
E nnun vienicce a ffà ttanta bbardoria!

Che mme ne preme un cazzo de l'istoria:
A mmé mme piasce de vive a la bbroccola,
Senza stamme a intontì, la sciriggnoccola,
E impicciamme li fili a la momoria.

E cche! ho da fà er teolico, er profeta,
Ho da incide le statue, li quadri,
M'ho da mette la mitria, la pianeta?!

Bast'a ssapé cc'oggni donna è pputtana,
E ll'ommini una manica de ladri,
Ecco imparata l'istoria romana.

Roma, 17 febbraio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo