Crea sito


625 (625). L'INGEGGNO DELL'OMO

Er venardì de llà, a la vemmaria,
Io incontranno ar Corzo Margherita,
Je curze incontro a bbracciuperte: "Oh Ghita,
Propio me n'annerebbe fantasia!"

Disce: "Ma indove?" Allora a l'abborrita
Je messe er fongo e la vardrappa mia,
E ddoppo tutt'e ddua in compaggnia
C'imbusciassimo drento ar Caravita.

Ggià llì ppare de stà ssempr'in cantina:
E cquer lume che cc'è, ddoppo er rosario
Se smorzò ppe la santa dissciprina.

Allora noi in d'un confessionario
Ce dassimo una bbona ingrufatina
Da piede a la stazzione der Zudario.

Roma, 18 dicembre 1832      Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo