Crea sito


647 (648). L'IMPRECAZZIONE

Tiette la lingua, Mèo: nun è la prima
Che mmanni mappalà ssu le perzone.
Nu lo sai che ccos'è un'imprecazzione?
È ppiù ppeggio assai ppiù dd'una bbiastima.

Perché cquesta er Ziggnore nu la stima
Nemmanco pe 'na coccia de melone:
Eppoi, bbeato lui, sta ttant'in cima
Che nnun j'arriva a un pelo de cojjone.

Annà a ddì a un Omo: "Fréghete in eterno!"
Ma nnun capischi er danno che jje porti
Si ccasomai cuest'omo va a l'inferno?

Tra cquer fresco a li poveri addannati
Nun j'amancherebb'antro doppo morti
Che dd'èssesce un tantino buggiarati.

Roma, 22 dicembre 1832       Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo