Crea sito


557 (552). L'IMPIEGHI NOVI

Cià mmille strade uperte un bon zovrano
Che vvò pprovede un zuddito fedele.
Pò ffallo Cammerlengo de Freggnano,
O appartatore de l'asceto e ffele:

Pò mmannallo p'er monno a mman a mmano
A scurtà li stuppini a le cannele;
E llui ammascherasse da Labbano
E ffà er tonto a l'immasto de Racchele.

Guarda er marito de la bbella Nina:
Hanno inventato un posto pe impiegallo
Co ttrenta ggnocchi ar mese de duzzina.

E, ortr'a cquesto, un calessie cor cavallo
Perché vvadi a Ppalazzo oggni matina
A avvisà ssi ffa ffreddo o ssi ffa ccallo.

Roma, 5 dicembre 1832             Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo