Crea sito

540 (542). L'EDITTO DE L'OSTARIE

Accidenti a l'editti, a cchi l'inventa,

Chi li fa, chi li stampa, chi l'attacca,

E cchi li legge. E a vvoi st'antra patacca

Schiccherata cor brodo de pulenta!

 

E addosso all'ostarie! ggente scontenta,

Fijji de porche fijje d'una vacca!

Si all'ostaria 'na purcia sce s'acciacca,

Cqua ddiventa un miracolo diventa!

 

Papa Grigorio, di' ar Governatore

Che sto popolo tuo trasteverino

Si pperde l'ostarie fa cquarc'orrore.

 

Noi mānnesce a scannatte er giacubbino,

Spčnnesce ar prezzo che tte va ppių a ccore,

Ma gguai pe ccristo a cchi cce tocca er vino.

 

Roma, 3 dicembre 1832                 Der medemo

 

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti č quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo