Crea sito


912 (911). L'AVOCATO DE LE CAUSE SPERZE

Eh ggi, ttutti li guai, tutti li scarti
S ppe ccausa der Papa a sto paese:
E nnun fuss'io che nn'aripo li cuarti,
Lo vorano schiattato in mezzo mese.
 

Li Cardinali fanno troppe spese:
er Papa. S'arisenteno l'assarti:
er Papa. S'arricchischeno le cchiese:
er Papa. S'ariddoppieno l'apparti:
 

er Papa. Tutto er Papa, sciorcinato!
Lui cressce le gabbelle, cala er pane,
Frega er zuddito, bbuggera lo Stato!...
 

Come! cuesto er linguaggio che ss'addopra
Cor Crist'-in-terra, eh fijji de puttana?
Zitti: e ar Papa, per dio, 'na pietra sopra.
 

Roma, 18 febbraio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi

(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).

La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo