Crea sito


1561 (1565). L'ARICREAZZIONE

Detta ch'er Papa ha mmessa la matina,
E empite le santissime bbudelle,
Essce in giardino in buttas e ppianelle,
A ppijj 'na bboccata d'aria fina.

L llegato co ccerte catenelle
Sce ti un brutto uscellaccio de rapina,
E, ddrento a una ramata, una ventina
O ddu' duzzine ar pi de tortorelle

Che ffa er zant'omo! ficca drento un braccio,
Pijja 'na tortorella e la conzeggna
Ridenno tra le granfie a l'uscellaccio.

Tutto lo spasso de Nostro Siggnore
de ved cquela bbestiaccia indeggna
Squarciajje er petto e rrosicajje er core.

2 giugno 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo