Crea sito


646 (646). L'APOSTOLO DRITTO

L'apostoli fasceveno fracasso
Ch Ccristo er'ito via da sepportura;
Cuann'ecchete de fianco san Tomasso:
"Io nun ce credo un cazzo: un'impostura."

Tratanto Ggesucristo de bbon passo
Se n'aggnede ar cenacolo addrittura,
Indove un buscettin de serratura
Je serv dde portone de trapasso.

"Ficca er tu' dito in cuesta costa vta,
Ggiacubbino futtuto, e cqua ppi vede
S'io s arivivo, oppuro una carota."

Allora san Tomasso in piede in piede
Prima ann ar tasto da perzona sscita,
E ddoppo rescit ll'atto de fede.

Roma, 22 dicembre 1832            Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo