Crea sito


512 (508). L'AMMAZZATO

Da dietr'a Gghiggi, lì a le du' salite,
Sin ar cantone der Palazzo Mutto,
Tra er coco e ll'oste ciasseguì la lite
Pe 'na visciga misera de strutto!

Er morto poi passò a le Convertite
Viscin'a Spada: oh ddio cuant'era bbrutto!
Pieno da cap'a ppiede de ferite
Che ppissciolava sangue dapertutto.

E cche! ssemo a li tempi de Nerone,
Che le lite, per dio, tra li cristiani
Nun z'abbino da fà mmai co le bbone?!

Che ssemo diventati noi Romani
Che ppe mmanco d'un pelo de cojjone
Ciavemo da sbramà ccome li cani!

Roma, 29 novembre 1832

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo