Crea sito


745 (743). L'AMMALORCICATO

Ma ccome ha da st bbene, sciorcinato,
Cuanno, per cristo, bbestemmio dar vino?
Oggnicuarvorta che nun va appoggiato
Casca si ll'urta un'ala d'un moschino.

Ha le grandole gonfie, accatarrato,
Nun ti mmanco ppi un pelo in ner cudino,
Campa de melacotte e ppangrattato,
E sta ppi ssecco che nnun un cerino.

Avess'io la patacca de dottore,
Lo metterebbe ar zugo de la bbtte,
Pe ffallo aringrass ccome un ziggnore.

Vorrebbe imbriacallo ggiorno e nnotte,
Ch dd'incaconature nun ze more:
E jje direbbe poi: "vatte a f fotte".

Roma, 14 gennaio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo