Crea sito


1624 (1622). L'AMMALATO MAGGINARIO

Lo crederò pperché mme lo ggiurate
C'un antro po' nnun ve trovavo vivo.
L'aspettito però mmica è ccattivo:
Io ve vedo com'erivo st'istate.

Volete guarì ssubbito? Maggnate,
Bbevete quarche bbon ristorativo,
Levateve dar culo er lavativo,
E usscite in ste bbellissime ggiornate.

Fora, fora: un po' d'aria de campaggna:
Quello sce vò ppe vvoi: moto, alegria,
E ppoi ggnente pavura de magaggna.

Sù, a ffiumaccio spezziale e spezziaria.
L'omo campa cquaggiù dde quer che mmaggna;
E 'r curasse è la peggio ammalatia.

5 settembre 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo