Crea sito


1169 (1168). L'AMICO DE MUCCIO

Eh, Mmuccio mio, si nun ce provi mai,
Come vi f ffurtuna in ne l'amore?
Te l'ha da chiede lei?! Tu fftte core,
Prvesce co ffranchezza, e vvederai.

Ecco, Muccio, er conzijjo ppi mmijjore
Che tte p dd un amico che ttu hai.
Prvesce: e cche ssar? Ggi ttu lo sai
Che ffra Mmodesto nun fu mmai priore.

Queste s ccose che cce v ttalento.
In ste sorte d'affari ssi contrito
Che tutto nassce da cap er momento.

La donna? Un zartarello, una bbevuta,
Un crapiccio, una stizza cor marito,
Pjjel'allora, e tte la do ffuttuta.

6 aprile 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo