Crea sito


2169 (2135). L'AFFARI DE STATO

Che fa er Governatore? Arrota stilli
E li dispenza a sbirri e bberzajjeri.
E er Vicario? Arim¨scina misteri
Per inventÓ ppeccati e ppoi punilli.

E er Tesoriere? Studia er gran bussilli
De straformÓ er bilancio in tanti zzeri.
E er Zegritar de Stato? Sta in guai seri
Pe ttrovÓ mmodo d'affogÓ li strilli.

Tratanto er Papa cosa fa? Ssi' acciso!,
Guarda er zu' orl˛ggio d'Isacchesorette,
E aspetta l'ora che sia cotto er riso.

Si ppoi pe ggionta sce volete mette
Quer che ffa er Padr'Eterno in paradiso,
Sta a la finestra a bbuttÓ ggi¨ ccroscette.

28 aprile 1846

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo