Crea sito


703 (706). ER ZOPRANO

Vedi cuer cazzabbùbbolo, commare,
Che nnun c'è pporta uperta che cce capa,
E, ccor cappello in zur boccino, pare
Un gigante co un fongo s'una rapa?

Cuello è un cappone senza cuajjottare:
Cuello è un crastato con vosce de crapa;
Cuello nun è ccommare né ccompare;
Ma un mezzo maschio, un musico der Papa.

Eppuro è pprete; e cco cquer zu' voscino
Pò ddì mmessa, si ttiè ne li carzoni
Du' granelli incartati ar borzellino.

Perché dìcheno tutti li Canóni
Che Ccristo nun pò annà ssur pane e 'r vino
Che a la vosce che vviè dda li cojjoni.

Roma, 6 gennaio 1833                     Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo