Crea sito


1493 (1490). ER ZOFFRAGGIO DE LA VEDOVA

Dico: "Nina, che ffai ll appied'ar letto,
Coll'occhi in faccia a ttu' marito morto?"
Disce: "Dico er rosario, poveretto,
Pe mmannajje un tantino de conforto."

Dico: "Sentime, Nina: io te l'ho ddetto
Pe ccausa de l'amore che tte porto,
Che ssi dduri sta vita, tra un mesetto
Tu ffai f un'antra mancia ar beccamorto.

Lassa, dico, li morti indove stanno,
E ppenza ch'er compare, ch' ssincero,
Te guarda de bon occhio da quarc'anno."

Cqua llei me se vort: "Cchi? Ttanislavo?"
Disce, "lo so, Mmitirda; e cquant' vvero
Sta corona de Ddio m cce penzavo."

30 marzo 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo