Crea sito


1147 (1146). ER ZIGGNORE E CCAINO

"Caino! indov' Abbele?" E cquello muto.
"Caino! indov' Abbele?" Allora quello:
"Sete curioso voi! chi ll'ha veduto?
Che! ss er pedante io de mi' fratello?" -

"Te lo dir ddunqu'io, bbaron futtuto:
Sta a ff tterra pe ccesci: ecco indov'llo.
L'hai cuscinato t ccor tu' cortello
Quann'io nun c'ero che jje dassi ajjuto.

Lvemete davanti ar mi' cospetto:
Curre p'er grobbo quant' llargo e ttonno,
Pozz'sse mille vorte mmaledetto!

E ddoppo av ggirato a una a una
Tutte le strade e le scitt dder monno,
Va', ccristianaccio, a ppiaggne in de la luna."

2 aprile 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo