Crea sito


725 (725). ER ZANTO RE DDÀVIDE

Chi vvò ssapé er re Ddàvide chi ffu,
Fu er Casamia der tempo de Novè,
Che pparlava co Ddio a ttu pper tu,
E bbeveva ppiù vvino che ccaffè.

Chi ppoi cuarc'antra cosa vò ssapé,
Vadi a ssentì la predica ar Gesù,
E imparerà che pprima d'èsse re
Era un carciofolà dder re Esaù.

E a cchi nun basta de sapé ssin qui,
E cquarc'antra cosetta vò imparà,
Legghi la Bbibbia, si la pò ccapì;

E imparerà ch'er re ccarciofolà
Dar zàbbito inzinint'ar venardì
Je piasceva un tantino de fregà.

Roma, 11 gennaio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo