Crea sito


2240 (2206). ER ZAMPIETRINO NOBBE

Era un pezzo, ma un pezzo assai lontano,
Ch'io fascevo la caccia a una regazza
Gi ppe li colonnati, pe la piazza,
Pe le logge, pe ttutto er Vatigano.

E ddiscevo tra mm: "Ss un gran gabbiano!
Sta strega me cojjona, me strapazza..."
Quanto jjeri ecco un panno che svolazza,
E mme vedo f un zeggno da una mano.

llei! Appizzo allora sott'ar portico
Da la parte che gguarda Bborgo Novo,
Pe ccombin l'affare de lo scrtico.

Ma cquanno s a la porta de San Pietro...
Cazzo! un Domenicano! e mm'aritrovo
Cor una man'avanti e un'antra dietro.

29 gennaio 1847

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo