Crea sito


2220 (2186). ER VINO DE PADRON MARCELLO

Bono! sangue de bbio! bbravo Marcello,
Che oggi nun me di sugo d'agresta!
Cqua, cqua, 'n'antra fujjetta ugual'a cquesta,
E abbada a nun sbajjatte er caratello.

Oh cqusto se p dd vvino de festa!
Gajjarduccio, abboccato, tonnarello...
Ah! tt'arimette er core in ner cervello,
E tt'arillegra senza datte in testa.

Com' lliggero poi! com'incanala!
Questo arifiata un morto in zepportura,
E tte je fa arimove er cressceccala!

Propio una manna, un ettore addrittura!
E ssimmai pe ddisgrazzia uno s'ammala,
Co sto vino che cqui ggnente paura.

17 gennaio 1847

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo