I SONETTI DI GIUSEPPE GIOACHINO BELLI

2220 (2186). ER VINO DE PADRON MARCELLO

Bono! sangue de bbio! bbravo Marcello,
Che oggi nun me di sugo d'agresta!
Cqua, cqua, 'n'antra fujjetta ugual'a cquesta,
E abbada a nun sbajjatte er caratello.

Oh cqusto se p dd vvino de festa!
Gajjarduccio, abboccato, tonnarello...
Ah! tt'arimette er core in ner cervello,
E tt'arillegra senza datte in testa.

Com' lliggero poi! com'incanala!
Questo arifiata un morto in zepportura,
E tte je fa arimove er cressceccala!

Propio una manna, un ettore addrittura!
E ssimmai pe ddisgrazzia uno s'ammala,
Co sto vino che cqui ggnente paura.

17 gennaio 1847

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo