Crea sito


156 (158). ER VINO

Er vino ssempre vino, Lutucarda:
Indove vi trov ppi mmejjo cosa?
Ma gguarda cqui ssi cche ccolore!, guarda!
Nun pare un'ambra? senza un fir de posa!

Questo t'arid fforza, t'ariscarda,
Te fa vvien la vojja d'sse sposa:
E vva', si mmaggni 'na quajja-lommarda,
Un goccetto e arifai bbocc'odorosa.

bbono assciutto, dorce, tonnarello,
Solo e ccor pane in zuppa, e, ssi ssincero,
Te se conf a lo stommico e ar ciarvello.

bbono bbianco, bbono rosso e nnero;
De Ggenzano, d'Orvieto e Vviggnanello:
Ma l'este-este un paradiso vero!

Terni, 3 ottobre 1831               De Pepp'er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo