Crea sito


238 (237). ER VIAGGIATORE

È un gran gusto er viaggià! St'anno so stato
Sin a Ccastèr Gandorfo co Rrimonno.
Ah! cchi nun vede sta parte de monno
Nun za nnemmanco pe cche ccosa è nnato.

Cianno fatto un ber lago, contornato
Tutto de peperino, e ttonno tonno,
Congeggnato in maggnera che in ner fonno
Sce s'arivede er monno arivortato.

Se pescheno llì ggiù ccerte aliscette,
Co le capocce, nun te fo bbuscìa,
Come vemmariette de rosario.

E ppoi sc'è un buscio indove sce se mette
Un moccolo sull'acqua che vva vvia:
E sto bbuscio se chiama er commissario.

Roma, 16 novembre 1831              Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo