Crea sito


1240 (1236). ER TUMURTO

Ch' stato? uh quanta ggente! E cch' ssuccesso?
Guarda, guarda che ffolla ar Conzolato!
Volmo d cche cc' cquarc'ammazzato?
N, ssar un ladro co li sbirri appresso.

P sse forzi che sse sii incenniato...
Ma nnun ze vede fume. O ssii 'n ossesso?
Ah, nnemmanco, pe vvia c'ar temp'istesso
Tutti guarden in z. Dunque ch' stato?

S'arivrteno mo' ttutti a mman destra...
Vedi, arzeno le mane. Oh! ffussi un matto
Che sse vojji bbutt da la finestra!

Rideno!... Oh ccristo! je vienghi la rabbia!
Nu lo vedi ch'ed? Ttutto er gran fatto
un canario scappato da 'na gabbia.

24 aprile 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo