Crea sito


711 (713). ER TISICO

Cuesto oggnuno lo sa: ppila intronata
Va ccent'anni pe ccasa; e tte l'ho ddetto.
Mó mm'accorgio però cch'er poveretto
Sta vviscino a ssonà lla ritirata.

Già ffin dar tempo che sposò Nnunziata
Le scianche je fasceveno fichetto;
E ffinarmente s'è allettato a lletto
Perch'era ppiù ll'usscita che ll'entrata.

Nun tiè ppiù ffiato da move le bbraccia:
E cchi lo va a gguardà ssu cquer cusscino,
Je vede tutta Terrascina in faccia.

Io metterebbe er collo s'un quadrino
Che nnu la cava: e ggià la Commaraccia
Secca de Strada-Ggiulia arza er rampino.

Roma, 8 gennaio 1833                    Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo