Crea sito


119 (119). ER TISICHELLO

Semo a li confitemini: s stracco:
Me sento tutto ssciapinato er petto:
E si cqua nun famo arto a sto ggiuchetto,
Se finissce a ssa' Stefino der Cacco.

Sta frega de turacci che tte metto,
Tu li pijji pe pprese de tabbacco:
Ce vi sempre lla ggionta e 'r zoprattacco,
Come si er cazzo mio fussi de ggetto.

Oggi ch' ffesta pi serr nnegozzio,
Ch lo sa 'ggni cristiano che la festa
Nun ppe llavor, mma ppe st in ozzio.

Manc'oggi? ebb dduncue rzete la vesta:
Succhia ch' ddorce. Ma nun zo' Mammozzio,
Si nun t'attacco un schizzettin de pesta.

Morrovalle, 26 settembre 1831            Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo