Crea sito


1168 (1165). ER TESTAMENTO DER PASQUALINO

Torzetto l'ortolano a li Serpenti
Prometteva oggni sempre ar zu' curato
C'a la su' morte j'averìa lassato
Cinquanta scudi e ccert'antri ingredienti.

Quanto, un ber giorno, lui casc'ammalato;
E ccurreveno ggià cquinisci o vventi
Tra pparenti e pparenti de parenti
A mmostrajje un amore indemoniato.

Ecchete che sse venne all'ojjo-santo;
E 'r curato je disse in ne l'ontallo:
"Ricordateve, fijjo, de quer tanto..."

Torzetto allora uprì ddu' lanternoni,
E jj'arispose vispo com'un gallo:
"Oggne oggne, e nnu mme roppe li cojjoni."

6 aprile 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo