Crea sito


17 (17). ER ROMITO

"Quanno te lo dich'io cchete er core"
Me disceva jer l'antro un bon romito;
"In sto monnaccio iniquo e ppeccatore,
Nun ze trova pi un parmo de pulito.

Co ttre sguartrine io fascevo l'amore
E je servivo a ttutte de marito;
E ppe un oste, uno sbirro e un decrotore
Ste porche tutt'e ttre mm'hanno tradito.

Ma io pe ff vved cche mme ne caco,
Tutte le sere vado all'osteria,
E ffo le passatelle, e mm'imbriaco.

E ssi la tentazzione m'aripa,
Me lo cuscio pe ddio cor filo e ll'aco
Quant' vvero la Vergine Mmaria."

15 febbraio 1830          De Peppe er tosto  G.G.B.

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo