Crea sito


1036 (1037). ER RIMEDIO DER CAZZO

Dìmoje marfrancese a sto fraggello
Oppuro scolazzione o ggomorrea,
Fatt'è ch'è stata una gran ladra idea
D'attossicacce un gusto accusì bbello.

Bbastassi ar meno quer che ffesce quello,
C'avanti d'ingrufasse Dorotea,
Un giorno pijjò un po' de vallonea,
Aggnéde a ccasa e sse conciò l'uscello.

Che nn'ariccorze? Un ber par de cojjoni.
Co ttutta la su' concia ariverita,
Sce s'empì de pulenta e dde tinconi.

Senza contacce poi trall'antri mali,
Ch'un omo co sta concia pe la vita,
Si ha mmojje, c'ha da fà? ffijji o stivali?

2 dicembre 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo