Crea sito


68 (67). ER RICORDO

Er giorno che impiccorno Gammardella
Io m'ero propio allora accresimato.
Me pare m, ch'er zntolo a mmercato
Me pag un zartapicchio e 'na sciammella.

Mi' padre pijj ppoi la carrettella,
Ma pprima vorze gode l'impiccato:
E mme tieneva in arto inarberato
Discenno: "Va' la forca cuant' bbella!"

Tutt'a un tempo ar pazziente Mastro Titta
J'appoggi un carcio in culo, e Ttata a mmene
Un schiaffone a la guancia de mandritta.

"Pijja," me disse, "e aricordete bbene
Che sta fine medema sce sta scritta
Pe mmill'antri che ss mmejjo de tene."

Terni, 29 settembre 1830         De Pepp'er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo