Crea sito


727 (723). ER RICCONE

Figurete a sto morto si cche mmorto
J'hanno trovato in cassa li nipoti!
Da cuann'era prelato io m'ero accorto
Che llui tirava a incummolà mmengoti.

Tutti ladri sti santi sascerdoti
Sin c'ar monno je va ll'acqua pe ll'orto:
Cuanno crepeno poi, tutti divoti
Pe strappà da San Pietro er passaporto.

Co cquattro messe spalancajje er celo?!
Sarebbe com'a ddì: Ccristo è imbriaco,
O nnun za llegge er libbro der Vangelo.

Un ricco in paradiso? io me ne caco.
Più ppresto crederebbe c'un camelo
Fussi passato pe 'na cruna d'aco.

Roma, 11 gennaio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo