Crea sito


1896 (1861). ER PRIMO GUSTO DER MONNO

Sentite, sposa: er nun zudasse er pane,
Lo st in ozzio ar focone in ne l'inverno,
Er vince un amb'al lotto e mmejjo un terno,
L'av ppieno er cammino de bbefane,

Er beve auffa, er cojjon er Governo
E fflla in barba ar fisco e a le dogane,
Lo sguazz ttra un diluvio de puttane
Che nun abbi pavura de l'inferno,

L'sse appraudito, er divent ssiggnore,
Prelato, cardinale, santo padre...
S ttutti gusti che vve vanno ar core.

Ma de tanti ggnisuno s'assomijja
Manco per ombra ar gusto c'ha una madre
D'sse cresa sorella de la fijja.

20 febbraio 1837

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo