Crea sito


253 (254). ER PRIMO BBOCCONE

Qual è ttra li peccati er più ppeccato
C'abbi fatto ppiù mmale a ttutt'er monno?
Quello primo? Ggnornò: mmanco er ziconno,
O er terzo, o er quarto. Er quinto-gola è stato.

Pe una meluccia, c'averà ccostato
Mezzobbaiocco, stamo tutti a ffonno!
Pe cquesto er zeggno de st'ossetto tonno
Cqua immezzo de la gola sc'è restato.

Vedi che bber zervizzio sce fasceva
Quer cornuto d'Adamo, nun zia mai,
Co cquella jjotta puttanaccia d'Eva,

Si mmai Dio Padre, c'ha ttalento assai,
Nun mannava er fijj'unico c'aveva
Ggiù in terra a rrippezzà ttutti li guai.

Roma, 21 novembre 1831           Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo