Crea sito


751 (752). ER PRETE

Jeri venne da mé ddon Benedetto
Pe ffamme arinnaccià cquattro pianete;
E vedenno un riarzo drent'ar letto,
Me disse: "Sposa, cqua cche cce tienete?"

Io j'arispose che cciavevo er prete
Pe nnun stamme a addoprà llo scallaletto;
E llui sce partì allora: "Eh, ssi vvolete,
Sò pprete io puro": e cqua fesce l'occhietto.

Capite, er zor pretino d'ottant'anni
Che stommicuccio aveva e cche ccusscenza
Cor zu' bbraghiere e cco li su' malanni?

Ma ssai che jje diss'io? "Sora schifenza,
Che ccercate? La freggna che vve scanni?
Io nun faccio peccato e ppinitenza."

Roma, 15 gennaio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo