Crea sito


2099 (2065). ER PREDICATORE DE CHIASSO

Sor mastro, ho inteso er gran predicatore
C'adesso f ammatt tutta la ggente;
E ssi ho da divve quer che ssento in core,
A mm nun m' ppiasciuto un accidente.

Sta tteso-teso, nun ze move ggnente,
Nun za li testi de ggnisun utore,
Dura troppo, ha una vosce piaggnolente
Che ppare un gatto quanno fa l'amore....

Ma cc' de peggio, e ppeggio assai, sor mastro:
Che ssi sseguita a dd ccerte resie,
Sto sor abbate vo ffin a l'incastro.

Disce che Ggesucristo stat'ebbreo;
E ppe ffin de d in cojjonerie
Va spaccianno c'Abbramo era un cardeo.

10 gennaio 1845

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo