Crea sito


847 (847). ER PESSCIVENNOLO

Er zantocchio che bbascia le paggnotte,
Che ttutte le matine sente messa,
Che le notte che cc'è la mezza-notte
Nun maggnerìa cuer ch'è una callalessa;

C'ha scrupolo a ssentì pparlà dde fessa,
E abbruscerebbe vive le miggnotte,
Mentre che in verb'articolo de fotte
Lo schiafferebbe in culo a un'Abbatessa;

Invesce de pagamme er zangue mio,
Pijja er pessce, e mme disce chiar'e ttonno:
"N'averai tanta grolia avant'a Ddio."

E io, che nnun ciabbozzo, j'arisponno:
"Sta moneta nun curre in ner cottìo.
La grolia in celo, e li quadrini ar monno."

Roma, 1° febbraio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo