Crea sito


7 (6). ER PENNACCHIO

Ah Menicuccio mia, propio quer giorno,
La viggijja de Pasqua Bbefania,
Quella caroggna guercia de Luscia,
Lo crederessi?, me mettette un corno.

Porca fottuta! e me vieniva intorno
A ff la gatta morta all'osteria
Pe rremp er gozzo a la bbarbaccia mia,
'Ggni sempre come la paggnotta ar forno.

E intratanto co mmastro Zozzovijja
Me lavorava quele du' magaggne
D'aruvin un fijjaccio de famijja.

Ecco, pe ccristo, come s ste caggne:
Amore? 'n accidente che jje pijja:
Tutte tajjle pe ppoi ftte piaggne.

7 agosto 1828

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo