Crea sito


983 (983) ER PATTO-STUCCO

Sto prelato a la fijja der zartore,
Che cciannava a stirajje li rocchetti,
Je fesce vede drent'a un tiratore
Una scitola piena de papetti,

Discennoje: "Si vvi che tte lo metti,
S ttutti tui e tte li do dde core."
E llei fesce bbocchino e ddu' ghiggnetti,
Eppoi s'arz er guarnello a mmonziggnore.

Terminato l'affare, er zemprisciano,
Pe ppagajje er noleggio de la sporta,
Pijj un papetto e jje lo messe in mano.

Disce: "Uno solo?! e cche vvor d sta torta?
Ereno tutti mii!..." - "Fijjola, piano,"
Disce, "s ttutti tui, uno pe vvorta."

Terni, 16 ottobre 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo