Crea sito


573 (577). ER PARTO DE MAMMA

"Nonna, adesso che mmamma ha ppartorito
Ve vojjo addimannà 'na cosa, nonna.
Dite: com'essce gravida una donna?"
"Nipote mia, cor fiato der marito".

"E a mmamma er pupo suo dove j'è usscito?"
"Da un ginocchio". "E cch'edèra sta siconna
C'accennessivo er lume a la Madonna?"
"Un antro pupo che nun è ffinito".

"E ll'omo partorissce?" "Eh, cquarche vvorta".
"Ma è vvero c'una donna fesce un lupo,
E un'antra appena partorito è mmorta?"

"Sicuro". "E pperché mmorze?" " Pe lo ssciupo
Ch'ebbe in ner partorì, pperch'era storta".
"Nonna, me sa mmill'anni de fà un pupo".

Roma, 8 dicembre 1832

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo