Crea sito


489 (489). ER PAPA NOVO

Stavo ggiusto ar pilastro der cancello
Der cuartiere a cciarlà cco lo scozzone,
In ner mentre smuronno er finestrone,
E sbusciò er Cardinale cor cartello.

E io sò stato stammatina cuello
Ch'è entrato er primo drento in ner portone
Cuanno er Papa saliva in carrozzone,
E l'ho arivisto poi sott'a Ccastello.

Poi sò ccurzo a Ssampietro; ma le ggente
Eremo tante in chiesa, bbuggiaralle,
Che de funzione nun ne so ddì ggnente.

In cuanto sia portallo su le spalle
L'ho vvisto, ma vvolevo puramente
Vedé ccome je bbrusceno le palle.

Roma, 26 novembre 1832              Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo