Crea sito


280 (279). ER PAPA

Iddio nun v˛ cch'er Papa pijji mojje
Pe nnun mette a sto monno antri papetti:
Sinn˛ a li Cardinali, poveretti,
Je resterebbe un cazzo da riccojje.

Ma er Papa a ggenio suo p˛ llegÓ e ssciojje
Tutti li nodi lenti e cquelli stretti,
Ce p˛ scommunicÓ, ffÓ bbenedetti,
E ddacce a ttutti indove cojje cojje.

E inortr'a cquesto che llui ssciojje e llega,
Porta du' chiave pe ddacce l'avviso
Che cqua llui opre e llui serra bbottega.

Quer trerregno che ppoi pare un zuppriso
V˛ ddý cche llui commanna e sse ne frega,
Ar monno, in purgatorio e in paradiso.

26 novembre 1831                     De Pepp'er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo