Crea sito


1962 (1928). ER PADRONE PADRONE

Era da un pezzo c'avevo annasato
Ch'er zor padrone m'uscellava Ghita.
Dico: "Eccellenza, vado ar Caravita."
Disce: "Va' bbello mio: bbravo, Donato."

Io m'agguatto in cuscina; e appena usscita
La padrona cor zu' ganzo affamato,
Te li pijjo in gattaccia: "Ebb? ch' stato?"
Disce: "Ggnente... ggiucmio una partita."

Dico: "Me pare a mm cche de sto svario
Se ne p ff de meno; e ste su' vojje
Nun entreno ner conto der zalario."

Disce: "Se p ssap che vve se ssciojje?
Oh gguardatelo ll cche ttemerario!
Nun v cche mmi diverti con zua mojje."

23 dicembre 1837

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo