Crea sito

1677 (1675). ER PADRE  E LA FIJJA

 

Sì, è stata una commedia troppa corta,

ma è stata una commedia accusí bbella,

ch’io pe ssentilla ar Monno un’antra vorta

me sce farebbe  strascinà in barella.

 

C’era una fijja d’una madre morta,

bbona e ggrazziosa, e sse chiamava Stella.

Poi sc’era un padre, una testaccia storta,

che strepitava:  è cquella e nun è cquella.

 

La parte de sta fijja tanta cara,

senti, la rescitò ’na scerta  Amalia,

un angelo de ddio, ’na cosa rara.

 

Che pparlate! che mmosse! tutte fatte

da intontí. Bbenedetta quela bbalia

che ll’ha infassciata e cche jj’ha ddato er latte!

 

25 settembre 1835

 

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

 La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
 (Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
 La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo