Crea sito


1278 (1277). ER MOTIVO PRENCIPALE

A gguardà bbene, er Papa, appress'a ppoco,
È un omo fatto d'ossa, carne e ppelle,
Co la bbocca, li denti e le bbudelle,
E li membrucci sui tutti ar zu' loco.

Èccheve la raggion de le gabbelle:
Pe vvia che li quadrini che ddà ar coco
Acciò jje metti un po' de pila ar foco,
Nun je ponno fioccà ggiù dda le stelle.

Paga poi lavatura e stiratura,
Lumi, vestiario, spie, preti d'ajjuto,
Stalla, e ddu' fronne de villeggiatura;

Com'ha da vive er povero siggnore?
Manna un editto, e ddisce: "Ho rrisoluto,
Popolo mio, de rosicatte er core."

5 giugno 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo