Crea sito


1266 (1264). ER MIRACOLO DE SAN GENNARO

Come però er miracolo c'ho visto
cor mi' padrone a Nnapoli, di' ppuro
che cquant'è ggranne er Monno, Mastro Sisto,
nun ne ponno succede de sicuro.

Ussci' un pretone da de-dietro un muro
co un coso pieno de sanguaccio pisto,
e strillò fforte a ttante donne:"E' dduro".
E cquelle:"Sia laudato Ggesucristo".

E ddoppo, in ner frattempo ch'er pretone
se smaneggiava er zangue in quer tar coso,
le donne bbiastimaveno orazzione.

Finché cco sto smaneggio e nninna-nanna
er zangue diventò vvivo e bbrodoso
com'er zangue d'un porco che sse scanna.

18 maggio 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo