Crea sito

157 (156). ER MATTO DA CAPO

Sonetto 1

Sai chi ss’è rriammattito? Caccemmetti:
e ’r padrone, c’ha ggià vvisto la terza,
l’ha mmannato da Napoli a la Verza,
pe rrifajje passà ccerti grilletti.

Lí pprincipiò a sgarrà tutti li letti,
dava er boccio a la dritta e a la riverza:
ma mmó ttiè tutte sciggne pe ttraverza,
e ccià er muro arricciato a cusscinetti.

Che vvôi! Nun t’aricordi, eh Patacchino,
che ggià jje sbalestrava er tricchettracche
sin da quanno fasceva er vitturino?

Che ccasa! Er padre e ddu’ fratelli gatti;
la madre cola, e ttre ssorelle vacche:
e ttra ttutti una manica de matti.

Terni, 3 ottobre 1831 - De Pepp’er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole
La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi 
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo