Crea sito


2136 (2102). ER MARITO DE GGIUDIZZIO

Oh, er mi' padrone poi, sora Scescijja,
Verbo corna s'ammaschera da tonto.
Lui se n'essce da cammera onto-onto,
Serra l'occhi, e vva ttutto a mmaravijja.

Nun Ť omo d'avello pe un affronto,
Si ssenza corpa sua cressce famijja.
Le cose tutto sta cchi sse ne pijja,
E ggnente dole mai si ttorna conto.

Abbiti, argenterie, casa a ppalazzo,
Carrozze, servitý, ppranzi in campaggna...
Lui vede tutto e nnun dimanna un cazzo.

La providenza viŤ? llui l'arisceve.
Er camminuccio fuma? e cquello maggna.
La funtanella bbutta? e cquello bbeve.

2 aprile 1846

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ť quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo