Crea sito


2194 (2160). ER MAESTRO DE LI SIGNORINI

Ma cquer maestro un gran omo seccante
Cor d ssempre a sti bbravi siggnorini:
"Raponzoli, studiate li latini,
Invesce de ruzz ccor cavarcante.

Fijji, le cose da sap ss ttante,
C'un omo che le studia, ar fin de fini,
Pi ss'arrampica su ppe li rampini
E ppi arriva a ccap dd'sse iggnorante."

Ma sto discorzo che jje ti l'abbate
Fa ttanta bbreccia ne li su' scolari
Come si jje dicessi nun studiate.

Defatti, co sta predica curiosa,
Nun pi mmejjo de rest ssomari
Pe ccrede d'sse ar monno quarche ccosa?

26 dicembre 1846

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo