Crea sito


1057 (1057). ER MADRIMONIO SICURO

Tu nun capisco indov'abbi la testa.
Hai tanta fernesia de fatte sposa,
E nun zai che cqui a Rroma nun c' ccosa
Che ssii cosa pi ffascile de questa.

Vi marito? E ttu rzete la vesta,
Pijjete in corpo una zeppa-bbrodosa,
Eppoi va' ddar curato, e ddjje, Rosa:
"Padre, ajjutate una zitella onesta."

Er prete te dir: "Cche ccos' stato?"
Tu allora piaggne, e ddijje: "Un traditore
De l'innoscenza mia m'ha ingravidato."

E cqui accusa qualunque che tte cricca;
Ma abbada, pe rriusscnne con onore,
D'accus ssempre una perzona ricca.
 

14 gennaio 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi 
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo