Crea sito


746 (745). ER LUPO-MANARO

'Na notte diluviosa de ggennaro
A Ggrillo er zediaretto a Ssan Vitale
Tutt'in un botto j'ariprese er male
Dell'omo-bbestia, der lupo-manaro.

Ar primo sturbo, er povero ssediaro
Lassò la mojje e ccurze pe le scale,
E ssur portone diventò animale,
E sse n'aggnede a urlà ssur monnezzaro.

Tra un'ora tornò a ccasa e jje bbussò;
E cquela sscema, senza dì cchi è,
Je tirò er zalissceggne, e 'r lupo entrò.

Che vvòi! appena fu arrivato sù,
Je s'affiarò a la vita, e ffor de sé
La sbramò ssenza fajje di Ggesù.

                           Lui je lo disse: "Tu
Bbada de nun uprì, ssi nun te chiamo
Tre vvorte, ché ssi nnò, Rrosa, te sbramo."

                  Cuanno aveva sto ramo
D'uprì, ppoteva armanco a la sicura
Dajje una chiave femmina addrittura.

Roma, 15 gennaio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo